È un periodo emotivamente e psicologicamente intenso nel quale il desiderio che più di ogni altro riecheggia è ritornare alla normalità.

Passeggiando per alcune città della Lombardia forte è la sensazione di essere catapultati in una puntata della serie televisiva The Walking Dead. Supermercati presi d’assalto, scuole e molti luoghi di ritrovo chiusi, città ed intere zone in quarantena. Questo è quello che si è palesato davanti ai nostri occhi nelle ultime due intense settimane.

È un momento da gestire al meglio possibile…come? Proviamo insieme a vedere da dove è possibile partire.

  • Informazione sì, ma privilegiando i canali ufficiali quali Ministero della Salute e Istituto Superiore della Sanità. È fondamentale prendersi cura di sé non esponendosi ad informazioni inadeguate e non qualificate.
  • Informazione sì, ma modulata nell’arco della giornata stabilendo momenti in cui dedicarsi all’aggiornamento e al confrontarsi con la situazione.
  • Uniformarsi alle direttive di igiene diffuse.
  • Prendersi cura di sé 1) cercando di non interrompere le proprie routine ed abitudini, 2) concedendosi attività fisica, momenti di socialità con amici e familiari e momenti quotidiani di benessere (rilassamento, musica, hobbies), 3) riposandosi ed alimentandosi regolarmente e correttamente.

Non dimenticarsi mai che tutte le emozioni sono legittime, vanno accolte e comprese per poter essere gestite in modo funzionale.

Non dimenticarsi che non si è soli e che si può fare riferimento in momenti di crisi alla propria rete sociale o alle figure professionali presenti sul territorio.

Ti piace ciò che scrivo? Condividi sui social. Grazie!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •