• MI PRESENTO
  • TITOLI
  • ESPERIENZE PROFESSIONALI
  • PUBBLICAZIONI

Psicologa, psicoterapeuta iscritta alla sezione “A” dell’Albo degli Psicologi della Lombardia nel Marzo 2009 con il n° 03/12636 ed inserita nell’elenco degli Psicoterapeuti dell’Ordine degli Psicologi della Lombardia dal Dicembre 2013.

Sono una professionista che si occupa della salute mentale e del benessere della persona, della coppia, della famiglia o del gruppo attraverso strumenti conoscitivi e di intervento utili per la prevenzione, la diagnosi, la consulenza, il sostengo, la terapia e la riabilitazione in ambito psicologico.

Diploma magistrale ad indirizzo psico-socio-pedagogico (Luglio 2002)

Laurea triennale in Scienze e Tecniche Psicologiche (Ottobre 2005)

Laurea specialistica in Psicologia Clinica e Neuropsicologia (Febbraio 2008)

Specializzazione in psicoterapia orientamento cognitivo costruttivista relazionale (Dicembre 2013)

Dottorato di Ricerca in Psicologia sperimentale, Linguistica e Neuroscienze cognitive (Febbraio 2015)

Ho maturato esperienza clinica collaborando strutture afferenti ad Aziende Ospedaliere delle province di Monza e Brianza e Milano.

  • Psicologo/psicoterapeuta presso la Comunità riabilitativa ad alta assistenza di Brugherio, l’Ambulatorio per il trattamento dei disturbi minori, l’Ambulatorio di Malattie Infettive e l’Ambulatorio di Psicologia clinica dell’adulto dell’A.O. San Gerardo di Monza.
    Valutazione, sostegno e riabilitazione di pazienti psichiatrici e con patologie organiche (malattie cardiologiche, oncologiche ed infettive).
  • Psicologo psicoterapeuta presso le Unità operative dell’Infanzia e dell’Adolescenza delle A.O. Fatebenefratelli, Niguarda, San Paolo di Milano e l’Unità operativa dell’Infanzia e dell’Adolescenza di Monselice.
    Valutazione del funzionamento cognitivo ed esecutivo in bambini ed adolescenti con diagnosi clinica di Disturbo da Deficit dell’Attenzione ed Iperattività (ADHD) e di Disturbo Specifico dell’Apprendimento (DSA).

In qualità di ricercatrice mi sono occupata di Funzioni cognitive ed esecutive in bambini ed adolescenti con sviluppo tipico e Disturbi dello sviluppo (principalmente ADHD, Disturbi Specifici dell’Apprendimento e Disturbi Oppositivi Provocatori/della condotta).

I risultati delle ricerche da me condotte sono confluiti in contributi a convegni nazionali ed internazionali e in alcune pubblicazioni

Le funzioni esecutive in età evolutiva. Modelli neuropsicologici, strumenti diagnostici, interventi riabilitativi
Franco Angeli (2011)
Una panoramica aggiornata sulla sintomatologia della Disfunzione Frontale, che tocca numerosi bambini, che presentano difficoltà di programmazione, organizzazione, controllo comportamentale o flessibilità nell’adattarsi a situazioni nuove. Il testo propone spunti per l’impostazione degli interventi riabilitativi.
Le funzioni esecutive in età evolutiva

Autoregolare l’attenzione
Ericson (2013)
L’attenzione è una funzione cognitiva necessaria all’esecuzione di tutte le attività quotidiane, sia scolastiche che extra-scolastiche. Negli ultimi anni è aumentato il livello di complessità delle richieste quotidiane di tipo cognitivo nei confronti dei bambini e le stesse proposte di svago (videogiochi) sono diventate molto ricche e variegate dal punto di vista sensoriale. Ciò ha determinato un maggior grado di coinvolgimento, da parte dei bambini, nei confronti di attività che sono intrinsecamente motivanti, ma che richiedono un minor sforzo cognitivo e di mantenimento dell’attenzione.
Lo scopo del CD-ROM è di aiutare i ragazzi dagli 8 ai 12 anni ad autoregolare la propria attenzione esercitando uno sforzo consapevole per lo svolgimento di una serie di attività cognitive.
Il CD-ROM propone:
– un test iniziale per verificare le abilità di partenza;
– un training di potenziamento e sviluppo diviso in 5 aree: vigilanza, inibizione, memoria di lavoro, controllo delle interferenze e flessibilità cognitiva.
Il programma comprende circa 50 diverse attività in cui gli stimoli sono presentati sia in formato uditivo che visivo. Il bambino è accompagnato da un simpatico samurai che gli fornisce le istruzioni e lo incoraggia a stare attento ed essere veloce.
Nella parte gestionale l’insegnante o lo psicologo può controllare i risultati ottenuti verificando le risposte corrette, gli errori, le omissioni e i tempi mediani per ogni esercizio.
IL LIBRO offre una sintetica panoramica delle finzioni cognitive oggetto del training computerizzato. Contiene infine una pratica guida all’uso del programma, con la spiegazione delle singole attività in esso proposte e le indicazioni sulle modalità operative.
Autoregolare l’attenzione

Le Funzioni esecutive: aspetti cognitivi e motivazionali necessari all’evoluzione dell’uomo
Questioni ed Idee in Psicologia, Hogrefe Editore (2014)
Funzioni esecutive: cognizione e motivazione

Le Funzioni esecutive in soggetti con Disturbo da Deficit dell’Attenzione ed Iperattività: un nuovo strumento multitasking
DdAI-Disturbi di Attenzione e Iperattività (2014)
Funzioni esecutive ed ADHD

 

Ti piace ciò che scrivo? Condividi sui social. Grazie!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •