L’estate si è conclusa e con essa le vacanze. Che le ferie siano state rilassanti e rigeneranti o meno, il ritorno alla normalità è traumatico per molti.
Secondo alcune stime fino a una persona su due soffre della cosiddetta «Sindrome da rientro».

Come si manifesta?
Il quadro che si viene a delineare è il seguente:

  • difficoltà di concentrazione,
  • mal di testa,
  • stanchezza,
  • sensazione di confusione,
  • perdita di entusiasmo,
  • irritabilità,
  • dolori muscolari,
  • eccesso di sudorazione,
  • tachicardia.

Insomma, mente e corpo si ribellano al ritorno alla routine.
Vi riconoscete questi sintomi?
Niente panico…vediamo cosa è possibile fare.

  • Rientro morbido: concedetevi uno o due giorni di vacanza in città.ù
  • Mantenete vivo il ricordo della vacanza: scorrete l’album delle fotografie, riguardate i video, condividete ciò che avete scoperto in vacanza.
  • Gradualità: porsi obiettivi raggiungibili sia nel contesto lavorativo che nella vita di tutti i giorni.
  • Prendersi cura di sè: ritmi lenti, cura di corpo e mente coltivando passioni, hobbies e buone abitudini senza dimenticare il movimento.
  • Regolarità: ripristinare regolari alimentazione e ritmi sonno-veglia.
  • Socialità: ricontattare amici e conoscenti e concedersi la possibilità di uscire in compagnia.
Ti piace ciò che scrivo? Condividi sui social. Grazie!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •